A tavola con antica sapienza

L’anima siciliana può essere conosciuta attraverso i proverbi; essi sono il documento di una sapienza secolare che si perpetua e ispira ancora i comportamenti e i modi di essere. I siciliani non amano il rischio del variare e sanno che “li pruverbi sù tutti pruvati”.

Ogni pena e ogni dogghia pani e vinu la cummogghia.
(Il cibo e il vino mitigano il dolore dell’animo)

Cosi amari, tenili cari; cosi duci, tenili ’nchiusi.
(Cose amare, tienile care; cose dolci, tienile chiuse)

Granci, pateddi e funci, assai spenni e nenti manci.
(Granchi, patelle e funghi, spendi molto e non mangi niente)

Carni e pisci la vita ti crisci.
(Se mangi carne e pesce la vita ti si allunga)

E d’ogghiu metticcinni ‘na bisàzza…cònzila commu vò…sempr’è cucuzza!
(E di olio mettine tanto ……. condiscila come vuoi…sempre è zucca!)

Voi stari di saluti sempri chinu? mancia sempri ova e trinca bonu vinu.
(Vuoi esser sempre di salute pieno? Mangia sempre uova e trinca vino buono)

Vinu vecchiu e ogghiu novu.
(Vino vecchio e olio nuovo)

Cu’, mangia crisci, cu non mangia sparisci.
(Chi mangia cresce bene, chi non mangia muore)

Pane e vinu rinforza lu schinu.
(Pane e vino rinforzano la schiena)